Una trasformazione in centro storico

Una trasformazione in centro storico: restauro funzionale e conservativo 

Progettisti: TANINO Maela architetto – MONTICONE Valentina architetto.

Gli ultimi interventi subiti avevano agito in maniera poco rispettosa nei confronti della natura dell’immobile, snaturandolo e trasformandolo completamente, nel totale disinteresse della sua storia e delle tipologie costruttive tradizionali.
Di conseguenza, la prima fase dell’intervento di restauro e rifunzionalizzazione dell’immobile è stata la rimozione di tutte le parti aggiunte al manufatto originario: controsoffitti che nascondevano le strutture voltate originali, pavimenti e rivestimenti in ceramica, intonaci cementizie e pitture murarie che ricoprivano le murature originali in mattoni pieni.
Lo step successivo è stato quello del consolidamento, volto a mantenere intatte e a vista le strutture originali: le porzioni più antiche della struttura, risalenti al Settecento, sono in mattoni lavorati a volt e in voltini di mattoni e travi di rovere. L’attuale sala riunioni conserva una tipica volta a botte con unghie in mattoni pieni. La parte più recente, ottocentesca, presenta voltini in mattoni e putrelle in ferro.
Alcune lievi modifiche della distribuzione interna hanno permesso di adattare l’alloggio alla nuova funzione, creando un ampia sala riunioni in quella che era stata la cantina e disponendo una serie di uffici a disposizione dei progettisti lungo il corridoio centrale.
Per migliorare le prestazioni energetiche e la salubrità dell’intera unità immobiliare è stato realizzato un cappotto interno con intercapedine e sono stati sostituiti i serramenti, altamente performanti e in legno, nel rispetto della tipologia estetica tradizionale. I materiali di finitura sono dunque stati scelti con attenzione, così come gli arredi: intonaci in terra cruda, pavimenti in cotto antico recuperato o in listoni di legno di castagno naturale non trattato, così come le controsoffittature, i rivestimenti in mosaico di marmo.
Tutti gli arredi sono in legno di castagno sbiancato a calce, dalle scrivanie, all’angolo ristoro, dagli archivi alle librerie. Gli unici arredi che non sono stati realizzati su misura sono mobili d’epoca recuperati e restaurati.

 

Foto: Aldo Alioli

Categorie progetto: 
Ristrutturazioni
Studio di Arredo
Scegli: 
Progetto